Vita da Commessa

Week end lavorativo: le mie 10 pillole per la sopravvivenza

Ormai sono tante le volte in cui avete assistito, seppur virtualmente, ai miei disagi da week end lavorativo. Condividerli con voi mi ha permesso di sdrammatizzare, di riderci un po’ su e di regalare un sorriso anche a tutti quelli che vivono le mie stesse situazioni.

Nonostante ciò, però, sento di dovervi altro, quindo ho deciso di condividere con voi il mio personalissimo manuale su come affrontare il fine settimana da commessa. Quello che vi offro non è teoria, non è filosofia, ma consigli pratici ed efficaci, testati con successo sulla mia pelle.

Ecco le mie 10 pillole di sopravvivenza per voi:

1.Dormire almeno 8 ore a notte: è importante arrivare riposati al sabato. Questo è fondamentale per riuscire a sopportare la valanga di richieste improponibili e le belle facce rilassate di quelli che non lavorano e pensano bene di entrate in negozio quando tu stai per uscire per la pausa pranzo. Voi avete dormito fino alle 11.30? Bene, anche io ho dormito 8 ore e sto benissimo! Sono dovuta andar a dormire prima di mio cugino che fa le medie, ma va benissimo così!

 

Schermata 2016-05-25 alle 11.54.07

 

2.CAFFE’

3.Non dormire affatto: si ok, è il contrario di quello che ho detto nel punto 1. Ma dai, non si può sempre andare a dormire il venerdi serà alle 22.00. Perchè quando suonerà la sveglia, tu sarai riposatissimo e sereno. Poi però aprirai Facebook e vedrai le facce sorridenti dei tuoi amici che, a quanto pare, se la sono spassata senza di te. Inizieranno ad arrivare su whatsapp messaggi del tipo: “non sai chi ho incontrato…”, “non sai chi sta con chi…”, “ieri c’era l’open bar…”, “ci siamo divertiti un mondo! Perchè non sei venuta?”. Perchè succede sempre così: quando tu non ci sei, le serate migliori, ovvio.

No, non ce lo possiamo permettere. Il week end in negozio non può portarci via la vita sociale e il divertimento. Quindi una o due volte al mese vada per la serata. Ma in questo caso meglio non dormire affatto, o al suono della sveglia maledirai te e il momento in cui hai pensato di poter essere giovane per una sera. A metà mattina ciò accadrà ugualmente, e quando qualche cliente ti formulerà una domanda con più di 3 parole maledirai anche lui. Però dai,  ne sarà valsa la pena (CAFFE‘).

No mio caro sabato lavorativo, tu non mi porterai via la gioventù. Il sonno, la sanità mentale, il viso riposato sì, prenditeli pure, ma il resto no.

IMMAGINE PER BLOG 1

4.”Garçòn, CAFFE’ DOPPIO, per favore”

5.Cura il look: fondamentalissimo. Se gli altri giorni della settima il look alla  “lassame perde” potrebbe anche passare, il sabato NO. Perchè atteggiamento positivo verso le cose porta cose positive, ve l’ho già detto altre volte, giusto? Ecco. Allora il sabato bisogna essere positivi e carini. Ti sentirai meglio nella tua giacca preferita. E sentirai l’odore del sabato sera avvicinarsi. Ah, non sono già le 20.00?

6.CAFFE’ D’ASPORTO, grazie.

7.Trucco e parrucco: idem al punto 5. Gli altri giorni la faccia e il look alla “mi sono svegliata 5 minuti fa” possono anche passare, ma il sabato no. Vietato. Il sabato circola più gente, chissà chi potrai incontrare in negozio mentre cammini rapida con un monte di vestiti tra le braccia. Il tuo ex, la nuova ragazza del tuo ex. Tu dovrai per forza essere bella, più bella. Vale anche se sei un commesso: devi essere più figo del nuovo ragazzo che la tua ex sta trascinando nel tuo negozio. Vale anche se sei gay. Devi sempre essere più bello della sua nuova fiamma. Il tuo negozio è il tuo territorio. E a te spetta la vittoria. Ok, ho finito.

Potrebbe entrare il principe azzurro, il capo, la donna con con la puzza sotto il naso, non importa. Perchè è sabato e tu sei perfetta. Pronta per uscire. Quanto manca alle 20.00?

8.CAFFE’: l’ultimo, giuro.

9.Pensa alle ore 20.00: qualsiasi cosa succeda, qualsiasi persona tu abbia davanti, quando senti che stai per esplodere pensa: manca poco. Alle 20.00 sarà tutto finito. Il lunedì arriverà in un batter d’occhio, ma domani è domenica e io appena esco di qui mi faccio un bicchiere di vino alla faccia tua, che stai qui da mezz’ora per scegliere quale “m” prendere dello stesso cardigan perché c’è una differenza di mezzo millimetro tra l’uno e l’altro. Io alle 20.00 sarò fuori da questo incubo. Sorridi.

Schermata 2016-05-25 alle 11.52.44

10-ALCOOL: finalmente il meritato bicchiere di vino. Anche due. Ma pure tre.

Bene, quindi oggi è mercoledì. E alle 20.00 di sabato manca poco, sorridi.

 

Articolo precedente Articolo successivo

Ti potrebbe interessare anche

1 Commento

  • Reply giulia 23 gennaio 2017 at 20:01

    concordo in pieno 😀 soprattutto per la voce CAFFE’

  • Commenta questo articolo